Alcuni paesi dell'UE riprenderanno la vaccinazione con AstraZeneca

Dopo che il regolatore europeo ha confermato la sicurezza e l'efficacia del controverso vaccino, Germania, Francia, Italia e Spagna hanno annunciato che avrebbero ripreso il suo uso e applicazione. L'Agenzia europea per i medicinali (EMA) ha riferito giovedì che il farmaco non è stato associato a un aumento dei coaguli di sangue nella popolazione.

Ripresa della vaccinazione in diversi paesi dell'UE

Dopo la sospensione delle giornate di vaccinazione di massa da parte di 13 paesi a causa delle preoccupazioni per i misteriosi coaguli di sangue in alcuni vaccinati, l'EMA ha rivisto il vaccino, concentrandosi sui casi di trombosi venosa cerebrale e altri disturbi del sangue. L'EMA ha approvato la sua affidabilità.

Il direttore generale dell'agenzia, Emer Cooke, ha detto che la ricerca continuerà, ma che i benefici della protezione contro il covid-19 superano i potenziali rischi di morte e ospedalizzazione. Anche se l'EMA dice che il legame tra il vaccino e il piccolo numero di disturbi circolatori non può essere definitivamente escluso, quindi gli studi continueranno.

Opinioni di leader di vari paesi

Il primo ministro italiano Mario Draghi ha detto che il suo governo è soddisfatto della dichiarazione dell'EMA e ha previsto di riprendere l'applicazione del vaccino ai cittadini il più presto possibile. Allo stesso modo, il primo ministro francese Jean Castex, in una conferenza stampa, ha detto che l'inoculazione non era legata all'aumento dei casi di trombosi e ha assicurato che si sarebbe vaccinato con il vaccino venerdì 19 marzo.

D'altra parte, Carolina Darias, ministro della Spagna, ha detto che la giornata sarà ripresa nel suo territorio mercoledì prossimo, sottolineando che i benefici sono molto più grandi dei rischi. Così, ogni paese ha il diritto di scegliere quando riprendere questa attività, come nel caso della Svizzera, che ha detto che ha bisogno di alcuni giorni per prendere una decisione.