Emergenza sanitaria in America Latina: l'ondata di persone infette in Brasile potrebbe influenzare massicciamente il resto dei paesi della regione

Il Brasile si trova nel mezzo della peggiore crisi di infezioni della sua storia a causa di una nuova variante del Coronavirus. Anche se gli esperti stanno elaborando solo informazioni non ufficiali per cercare di modellare il nuovo profilo del virus, si crede che sia una mutazione più pericolosa e infettiva di quella che il paese ha sperimentato nella prima ondata.

situazione di crisi attual

I registri governativi e non profit mostrano che almeno 1.500 cadute si verificano ogni giorno nella nazione caraibica. Ciò significa che circa 10.000 persone hanno perso la vita nell'ultimo mese. Queste cifre collocano il Brasile come il secondo paese con il più alto numero di morti per COVID-19.

La preoccupazione dell'OMS, espressa nei suoi ultimi comunicati, è l'incapacità delle autorità statali di contenere la variante mortale del virus. A causa della sua natura aggressiva, se non si prendono le giuste decisioni, potrebbe infettare il resto del continente.

L'America Latina è particolarmente vulnerabile alle devastazioni della pandemia. La maggior parte dei paesi della regione sono sottosviluppati e hanno economie nascenti, rendendo difficile investire in risorse e attrezzature specializzate per invertire la crisi internazionale.

Effetto domino di un nuovo ceppo

Scienziati ed esperti epidemiologici nel Regno Unito e in Brasile stanno conducendo un'indagine approfondita sull'agente e la fonte delle nuove infezioni.

Anche se i risultati sono ancora scarsi, la variante è stata identificata come P.1, e le prime occorrenze sono state rintracciate in Sud Africa e Gran Bretagna.

La mutazione è potente. I primi studi garantiscono la capacità di rompere gli anticorpi di coloro che sono stati infettati in passato, abbattendo così la loro immunità. Si diffonde due volte più velocemente.