L'attacco francese in Mali ha ucciso molti civili - ONU

L'attacco francese a Bounti in Mali ha ucciso molti civili, secondo un rapporto delle Nazioni Unite. Il governo francese ha negato il rapporto e ha detto che la metodologia utilizzata era inappropriata.

Gli attacchi militari francesi lasciano molti morti in Mali

Un attacco aereo francese a gennaio ha causato la morte di più di 18 civili in Mali, secondo gli inviati delle Nazioni Unite. Gli investigatori dell'ONU hanno detto che questo conferma ciò che molti indigeni hanno detto e sfata il racconto della Francia su ciò che è successo.

L'inviato dell'ONU ha detto di aver visitato il villaggio di Bounti dove hanno avuto luogo gli attacchi per conoscere i fatti. Hanno detto di aver parlato con più di 359 persone nel villaggio, in particolare con coloro che sapevano dell'attacco. Secondo la dichiarazione rilasciata, hanno confermato che quel giorno si è tenuta una cerimonia di matrimonio con circa 120 persone presenti quando lo sciopero ha avuto luogo.

18 persone sono state uccise, tra cui 15 civili e quattro insorti che erano presenti al matrimonio. ''

Il rapporto della MINUSMA afferma che alcuni sono morti immediatamente sul posto, mentre altri sono morti nelle cliniche. La maggior parte delle persone colpite dall'attacco aereo erano civili che sono protetti dal diritto internazionale. Il rapporto afferma anche che questo attacco mostra una grave mancanza di rispetto per le leggi umane.

I residenti di Bounti affermano che gli attacchi francesi hanno ucciso dei civili durante un matrimonio.

Secondo alcuni civili di Bounti, hanno comunicato separatamente i diritti degli uomini e delle donne quando questo è successo. Hanno detto che il matrimonio era stato pianificato da più di due mesi e che i visitatori erano venuti da molto lontano. Improvvisamente abbiamo sentito degli aerei e tutto è successo così in fretta che tutti sono corsi in tutte le direzioni", ha detto un testimone.

Tuttavia, i funzionari del governo locale hanno detto che la Francia ha ucciso altri cinque civili in un altro raid il 27 marzo. Hanno anche detto che gli insorti che la Francia sostiene di aver ucciso in realtà sono morti attraverso un gruppo di autodifesa. Martedì, il ministero della difesa francese ha detto che non era d'accordo con il rapporto dell'ONU perché aveva condotto la propria ricerca e ucciso gli insorti a Bounti. Ha detto di avere "seri problemi" con la metodologia dell'ONU e di essere in disaccordo con essa.